Al via la Fase 2 anche per Ipsos

Dal 1° giugno sarà nuovamente possibile programmare e condurre attività di fieldwork di persona.

Questa settimana è iniziata per molti la tanto attesa Fase 2, pronti per prendere dimestichezza con la “nuova normalità” di cui abbiamo discusso nei mesi scorsi. Per tante aziende, questi giorni segnano soprattutto la riapertura fisica della propria attività.

Dopo mesi di solo smartworking, anche Ipsos riapre le porte dei sui uffici con l’adozione delle giuste precauzioni per garantire a tutti i collaboratori la massima sicurezza e protezione. Riparte soprattutto la possibilità di condurre fieldwork di persona.

Dal 1° giugno sarà infatti nuovamente possibile programmare e condurre Focus Group, missioni di Mystery Shopping, interviste Face-to-Face in Central Locations e In Home, oltre che nel nostro Shopper Lab. Naturalmente intervistatori e consumatori seguiranno protocolli di sicurezza specifici per ogni tipologia di studio, assicurando in primis la massima protezione degli individui oltre alla consueta qualità dei dati raccolti.

Ma come noi stessi abbiamo più volte detto, una crisi è anche una buona occasione per premere sull’acceleratore dell’innovazione.
In questi mesi di lockdown abbiamo, infatti, rafforzato la nostra capacità di ascoltare e capire le persone. Lo abbiamo fatto grazie alle competenze, alle conoscenze e al rigore metodologico che Ipsos ha saputo sviluppare globalmente ben prima che il Covid-19 diventasse un’emergenza.

Le soluzioni di ricerca online di Ipsos rappresentano degli strumenti intuitivi, facili, veloci che permettono di ottenere informazioni accurate e di valore. Ecco alcuni esempi:

  •  Le online Communities, strumento sempre più adeguato a capire i bisogni delle persone e di come marche, aziende e categorie possano usare questa comprensione per costruire un rapporto empatico;
  • I workshop virtuali, per creare un proficuo momento di collaborazione insieme ai nostri clienti per condividere, discutere e facilitare il processo decisionale di tutto il team di lavoro;
  • Le sessioni di gruppo on line, che consentono di ricreare a fini di ricerca quella modalità di conversazione spontanea via webcam  che abbiamo ‘scoperto’ durante il periodo di lockdown;
  • Le esperienze di vendita virtuali grazie agli ambienti di Simstore, che permettono di ottimizzare l’esperienza di acquisto sia per il canale fisico che per quello dell’ecommerce;
  •  I Virtual Creative|Labs, laboratori di lavoro virtuali che in pochissimi giorni ci permettono di esplorare e valutare insight ed idee creative accelerando lo sviluppo di creatività di successo;
  • Contacless Product Tests per valutare la performance organolettica di un prodotto (proprio o della concorrenza) ascoltando le conversazioni online che migliaia di consumatori hanno pubblicato online.

Nelle crisi bisogna essere GAME CHANGER. Ipsos lo è.

Nuovi servizi