GRIT Report: è Ipsos l’azienda più innovativa nel settore delle ricerche di mercato

Ipsos premiata per aver sviluppato nuovi modelli di business, nuovi servizi, metodologie e prodotti

Autore

  • Francesca Petrella
Get in touch

Ipsos, società leader nelle ricerche di mercato, si classifica al primo posto tra i fornitori più innovativi nel GRIT Business & Innovation Report, lo studio di settore più importante e completo a livello globale.

Il GRIT è l’indagine principale per quantificare il ruolo e l’impatto dell’innovazione nell’industry delle ricerche di mercato. Nel complesso, esso consente non solo di avere una comprensione a 360 gradi del settore, ma anche di sviluppare i modelli di riferimento per tutti i player coinvolti.

Ipsos è stata premiata per i sui continui sforzi nell'abbracciare nuovi modelli di business e lanciare nuovi servizi, metodologie e prodotti. Mai come nell'ultimo anno, infatti, la spinta verso l’innovazione è stata così cruciale per lo sviluppo della strategia aziendale, come dimostrato dall'acquisizione della piattaforma di social intelligence Syntesio.

«Siamo molto orgogliosi di questo riconoscimento che testimonia la nostra capacità di aiutare i nostri clienti a far crescere il loro business sfruttando il potenziale della tecnologia. Oggigiorno le aziende richiedono un accesso più rapido alle informazioni e alle analisi che, basate su dati accurati e oggettivi, devono risultare accessibili, efficienti ed esaustivi. E noi lavoriamo quotidianamente per offrire questo ai nostri clienti. La prima posizione in classifica lo conferma», commenta il risultato Nicola Neri, Ceo di Ipsos.

classifica GRIT report

Secondo il GRIT report, essere veramente innovativi oggi significa bilanciare la velocità e la flessibilità con il lato più morbido e umano del business. «Questa definizione è in perfetta sintonia con l’approccio di Ipsos che combina competenze professionali, know-how tecnico e capacità di ascolto per permettere ai nostri clienti di prendere decisioni più velocemente è in maniera più coraggiosa», conclude Nicola Neri.

 

Autore

  • Francesca Petrella

Corporate