Primo Osservatorio Imprese e Covid

Per comprendere come stanno reagendo le Aziende italiane all’emergenza Covid-19.

Durante questo periodo di emergenza legata al Coronavirus, spesso si è parlato di come il Covid-19 abbia trasformato la vita, le paure, i valori delle singole persone, ma poche misurazioni e dati oggettivi sono stati raccolti sulle Aziende.

L’Osservatorio Imprese e Covid, realizzato da Ipsos in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Adecco, CRIET- Univ.Bicocca, nasce con l’obiettivo di raccogliere il punto di vista delle imprese e raccontare quali sono le aspettative, i timori, le opportunità e i rischi che oggi avvertono le Aziende nel nostro Paese.

Con questo intento, lo scorso luglio, Ipsos ha condotto uno studio su 450 aziende italiane e straniere che operano in Italia, per cercare di rispondere alle seguenti domande: 

  • Come le aziende stanno vivendo il momento?
  • Quali strategie stanno adottando?
  • Quali rischi si preparano a fronteggiare?
  • Di cosa hanno bisogno?

Le principali evidenze sono state raccontate durante il webinar “Come stanno reagendo le aziende italiane all’emergenza COVID-19?”, al quale hanno partecipato:

Andrea Alemanno (Senior Client Officer Ipsos) - Come stanno reagendo le Imprese, presentazione dei risultati della ricerca

Anna Roscio (Executive Director Direzione Sales & Marketing Imprese di Intesa Sanpaolo) e Monica Mantovani (Client Officer Ipsos) - La situazione finanziaria delle imprese, tra nuovi investimenti e attenzione ai costi.

Andrea Malservisi (Communication & Equity Director at Barilla Group), Angelo Di Gregorio (Ordinario di Management presso l’Univ. Bicocca), Enrica Tiozzo (Senior Client Officer Ipsos) e Francesca Nardin (Leader Creative Excellence Ipsos). - L’impatto del Covid sulle scelte di marketing e di comunicazione delle imprese.

I principali insight:

  • Le aziende sanno che le difficoltà (o le opportunità) che viviamo oggi hanno un orizzonte temporale medio-lungo: circa 3 aziende su 4 ritengono che dovranno trascorrere dai 12 ai 18 mesi prima che la situazione possa raggiungere una nuova normalità.
  • La salute delle aziende è buona, ma non di ferro. Le aziende danno un giudizio vicino al 7 alla propria condizione economica.
  • È un periodo rischioso, ma con grandi opportunità: il 54% degli intervistati vede delle opportunità per la propria azienda. Esse risiedono soprattutto nella digitalizzazione, nella possibilità di innovare il mercato e di lanciare nuovi prodotti e servizi.
  • Al contrario, prevede delle difficoltà il 34% del campione, difficoltà legate ai clienti italiani, alle risorse finanziarie e alla pressione concorrenziale.
  • È il momento giusto per innovare l’offerta, sia riprendendo progetti congelati, sia con nuove idee. Il 43% delle imprese dichiara che riprenderà il lancio di nuovi prodotti sospeso a causa dall'emergenza, mentre il 40% sta sviluppando nuovi prodotti per rispondere al nuovo scenario.
  • Questo è anche il momento giusto per sviluppare nuove comunicazioni: 2 aziende su 3 sentono il bisogno di sviluppare nuove comunicazioni, perché è mutato lo scenario. La strategia si concentrerà su valori ed empatia, dedicando più spazio al racconto di marca. Infatti, quasi la metà delle aziende dichiara che svilupperà sia comunicazioni incentrate sui valori e sull’impegno sociale della propria marca, che sul creare empatia con i propri clienti.
  • La sostenibilità sarà la grande protagonista di questa “nuova stagione”. Ci sarà grande enfasi sulla sostenibilità nel complesso: per oltre la metà delle aziende bisogna essere attivi. Per il 18% bisogna aumentare l'enfasi sulla sostenibilità ambientale, mentre per il 14% su quella sociale.

Società