COVID-19: maggior preoccupazione per le persone vulnerabili

La maggioranza delle persone crede anche che la pandemia le avvicinerà alla famiglia e agli amici.

In tutto il mondo, la maggior parte delle persone intervistate è più preoccupata per le persone vulnerabili o deboli, rispetto alla propria salute. Agli intervistati è stato chiesto cosa descrivesse meglio il proprio stato d’animo attuale e, in 13 dei 15 Paesi, la maggioranza ha citato la preoccupazione per coloro che sono deboli e vulnerabili in cima a una lista di 10 opzioni. Le persone in Brasile (70%), Spagna e Regno Unito (66%), Messico (61%) e Canada, Francia e Italia (60%) sono per lo più preoccupate per gli altri, mentre quelle in Giappone (23%) e Cina (30%) sono meno preoccupate.

Coronavirus 1Coronavirus 2 Darrell Bricker, Global Service Line Leader Public Affairs, ha detto: "Anche se molti di noi stanno evitando il contatto fisico con le altre persone, ciò non ha diminuito il nostro desiderio di essere emotivamente connessi con loro o con il resto del mondo".

In aggiunta a questo, la maggioranza (53%) delle persone intervistate afferma che è probabile che la pandemia li porterà più vicini alla famiglia e agli amici. Questo sentimento è più forte nei Paesi asiatici dell'India (72%), del Vietnam (70%) e della Cina (67%). Quelli del Giappone (19%), della Corea del Sud (32%) e della Germania (41%) sono meno propensi ad essere d'accordo.

Coronavirus 3 Molti di noi stanno cercando di mettere a frutto il nuovo tempo trovato da soli durante questa crisi. Due su cinque (44%) degli intervistati sono ottimisti sul fatto che probabilmente impareranno una nuova abilità a seguito dell'epidemia. Questo sentimento è più alto nei mercati emergenti di Vietnam (75%), India (74%), Messico (64%), Cina (63%) e Brasile (60%), mentre quelli di Germania (42%), Corea del Sud (33%), Spagna (32%) e Regno Unito (31%) hanno dichiarato che è improbabile.

"Quasi la metà di noi guarda a questa situazione come a una situazione di bicchiere mezzo pieno che sta liberando spazio per la crescita personale", ha detto Bricker.

Società