Il Coronavirus domina le preoccupazioni globali

Il Coronavirus supera tutte le altre tematiche nel sondaggio "What Worries the World" di Ipsos con il più alto livello di preoccupazione registrato per qualsiasi altra categoria.

Cosa preoccupa il mondo? 

Ipsos ha incluso il topic Coronavirus/COVID-19 in What Worries the World, l’indagine che monitora le preoccupazioni dei cittadini a livello globale.

I risultati di Aprile mostrano che il Coronavirus/COVID-19 è di gran lunga la principale preoccupazione in tutto il mondo ed è al primo posto in 24 dei 28 Paesi esaminati. Alla domanda sulle questioni più importanti che il proprio Paese deve affrontare oggi, il 61% degli intervistati cita COVID-19, con i punteggi più alti visti in Malesia (85%), Gran Bretagna (77%) e Australia (74%).

Coronavirus 1

I punteggi relativi alla preoccupazione che i cittadini hanno per l'emergenza COVID-19 sono i più alti visti su qualsiasi questione da quando il sondaggio What Worries the World è stato creato 10 anni fa.

Le altre tematiche che costituiscono le 5 principali preoccupazioni globali sono la disoccupazione, l'assistenza sanitaria, la povertà/disuguaglianza sociale e la corruzione finanziaria/politica.

Coronavirus 2

Cosa preoccupa l'Italia? 

In media con le risposte globali ottenute, la maggior parte dei rispondenti italiani - con percentuale pari al 68% - cita il Coronavirus come principale preoccupazione del proprio Paese in questo momento, seguita dalla disoccupazione percepita come una problematica seria dal 56% degli italiani. 

Al terzo posto si colloca la tematica delle tasse e, in questo caso, il dato italiano è estremamente interessante. Sui 28 Paesi partecipanti all'indagine, i cittadini italiani emergono come i più preoccupati per la situazione delle tasse nella propria nazione, indicata come problematica dal 27% dei cittadini rispetto alla media globale dell'11%. 

I successivi posti sono occupati dall'assistenza sanitaria (26%), dalla povertà/disuguaglianza sociale (24%), dal controllo dell'immigrazione (14%), dalla corruzione finanziaria/politica (13%) e dal crimine/violenza (12%). 

Preoccupazioni degli italiani

Coronavirus – il problema del giorno 

In questo particolare momento, è evidente come la problematica Coronavirus stia oscurando tutto il resto, inoltre, è possibile osservare come dall'inizio dell'anno la preoccupazione per la povertà/disuguaglianza sociale e la criminalità/violenza è diminuita, mentre le preoccupazioni per la disoccupazione e l'assistenza sanitaria sono in aumento - in particolare in Spagna.

Coronavirus 3

I livelli più alti di preoccupazione per la disoccupazione si registrano in Spagna (60%) e in Sudafrica (58%), seguiti dall'Italia (56%). Questo mese anche l'Australia entra tra i primi 5 Paesi più preoccupati per questo problema (+ 19 punti da gennaio al 48%), con altri notevoli incrementi negli ultimi tre mesi registrati in Israele (+23-39%) e negli Stati Uniti (+11-24%).

I maggiori livelli di preoccupazione per l'assistenza sanitaria sono ancora una volta segnalati in Ungheria (59%), accanto alla Polonia (51%) e al Brasile (46%). La Spagna è tra le nazioni con un grande aumento delle preoccupazioni su questo tema, con un aumento di 18 punti percentuali al 44% da gennaio 2020. 

Come ci sentiamo? 

Osserviamo che la maggioranza delle persone in tutto il mondo (54%) ritiene che il proprio Paese stia andando nella direzione sbagliata. Tuttavia, questo è in realtà un quadro positivo rispetto all'inizio dell'anno, quando questa percentuale era del 61%.

Questo può essere inaspettato se si considera che la crisi del Coronavirus si è protratta in questi mesi, ma potrebbe riflettere un senso di unione tra i Paesi e forse la speranza che l'isolamento nazionale possa iniziare a contenere il virus e permettere alle nazioni colpite di avvicinarsi alla ripresa.

Coronavirus 4

Società