Olimpiadi invernali Pechino 2022, l'interesse degli italiani per i Giochi Olimpici

Il nuovo sondaggio internazionale di Ipsos, condotto in 28 Paesi, ha esplorato le percezioni e l'interesse dell'opinione pubblica in merito ai Giochi Olimpici invernali di Pechino 2022.

Le Olimpiadi invernali inizieranno il 4 febbraio 2022 a Pechino, in Cina, e in questa occasione l'ultimo sondaggio Ipsos ha esplorato le opinioni delle persone in 28 Paesi sui Giochi Olimpici. In particolar modo è stato analizzato l'interesse pubblico, la conoscenza e consapevolezza delle Paralimpiadi e gli sport più popolari. 

Risultati chiave:

  • L'opinione pubblica è divisa sul fatto che le Olimpiadi di Pechino debbano andare avanti come previsto, nonostante la pandemia da Covid-19
  • Il salto con gli sci è lo sport più popolare tra le generazioni meno giovani, invece, gli spettatori più giovani sono più propensi a seguire l'hockey su ghiaccio. In media, è il pattinaggio artistico lo sport che il pubblico è più interessato a seguire, soprattutto tra le donne (36% vs. 17% degli uomini).
  • La maggioranza degli intervistati (54%) mostra disinteresse per le Olimpiadi invernali di Pechino 2022 (vs. 46% che si dichiara interessato). 
  • Una persona su due dichiara di non conoscere quali discipline saranno presenti alle Paraolimpiadi.
  • Il 55% degli intervistati dichiara di sostenere gli atleti che prendono posizione su questioni sociali o politiche durante le Olimpiadi. 

Olimpiadi invernali Pechino 2022, il livello di interesse 

In prima battuta, il sondaggio Ipsos ha esplorato l'interesse dell'opinione pubblica per i Giochi Olimpici invernali. In media, nei 28 Paesi esaminati, la maggioranza delle persone intervistate si dichiara non interessata (54%) contro il 46% che, invece, mostra interesse. Questo dato è in linea con il livello di interesse mostrato per le Olimpiadi estive di Tokyo 2020 e leggermente inferiore a quello delle scorse Olimpiadi invernali di PyeongChang del 2018 (51% interesse vs. 49% disinteresse). Ritornando alle imminenti Olimpiadi invernali di Pechino, possiamo notare come: 

  • La Cina, Paese ospitante, mostra i più alti livelli di interesse (84%), seguita da India, Sudafrica e Malesia.
  • Invece in Germania, Canada, Gran Bretagna e Belgio meno di 1 persona su 3 afferma di essere interessato all'evento.
  • Anche in Italia, la percentuale di cittadini disinteressati supera quella degli interessati: il 64% degli afferma di non essere interessato alle Olimpiadi di Pechino 2022 contro il 36% che, invece, si dichiara interessato

Giochi Olimpici Invernali, gli sport preferiti

Guardando agli eventi sportivi specifici, in termini di interesse del pubblico, il pattinaggio artistico si posiziona al primo posto. In media, a livello internazionale, i cinque sport più interessanti per gli intervistati sono:

figure skating | Beijing winter olympics | Ipsos1. Pattinaggio artistico (27%)

  • Cina (50%)
  • Messico (47%)
  • Russia (46%)

ski jumping | Beijing winter olympics | Ipsos2. Salto con gli scii (18%)

  • Polonia (50%)
  • India (28%)
  • Turchia (27%)

ice hokey | Beijing winter olympics | Ipsos3. Hockey sul ghiaccio (18%)

  • India (40%)
  • Russia (37%)
  • Sud Africa e Canada (33%)

speed skating | Beijing winter Olympics | Ipsos4. Pattinaggio di velocità (15%)

  • Paesi Bassi (38%)
  • Colombia (30%)
  • Corea del Sud (30%)

snowboarding | Beijing Winter Olympics | Ipsos5. Snowboard (13%)

  • Sud Africa (26%)
  • India & Turchia (22%)
  • Brasile e Malesia (20%)

Tuttavia, quando è stata presentata la lista completa degli sport invernali, il 24% degli intervistati a livello internazionale ha affermato di non essere interessato a nessuno di essi

  • Le percentuali maggiori si registrano in: Germania e Gran Bretagna (42%), Australia e Spagna (36%), Ungheria (34%).
  • Anche in Italia, il 26% degli intervistati ha dichiarato di non essere interessato a nessuno degli sport presenti ai Giochi Olimpici Invernali di Pechino. A seguire, il 23% afferma di essere interessato allo sci alpino e il 21% al pattinaggio artistico

Paralimpiadi, la consapevolezza dell'opinione pubblica 

Il sondaggio Ipsos ha anche esplorato le opinioni delle persone in merito alle Paralimpiadi, indagando il livello di consapevolezza degli sport presenti ai Giochi Paralimpici di Pechino 2022. In media, a livello internazionale, il 60% degli intervistati ritiene che le Paralimpiadi ricevano una discreta copertura nelle notizie e nei media sportivi del proprio Paese.

  • La Cina (90%) e la Corea del Sud (86%), i due più recenti Paesi ospitanti delle Olimpiadi invernali, mostrano i più alti livelli di accordo, superando di gran lunga la media internazionale del 60%. Invece, i livelli più alti di disaccordo si registrano in: Messico, Gran Bretagna, Malesia, Turchia e Colombia. 
  • In Italia, il 74% degli intervistati ritiene che le Paralimpiadi ricevano una discreta copertura nelle notizie e nei media sportivi del proprio Paese.

In merito agli sport presenti alle Paralimpiadi invernali di Pechino 2022, la maggioranza delle persone mostra bassi livelli di consapevolezza. Quando è stato chiesto di identificare le sei discipline sportive corrette, da una lista di tutte le 15 discipline olimpiche, 1 intervistato su 2 (50%) ha dichiarato di non esserne a conoscenza. Le risposte corrette sono: sci alpino, sci di fondo, biathlon, snowboard, hockey sul ghiaccio e curling. L'hockey sul ghiaccio è lo sport identificato correttamente più frequentemente (18%), seguito dallo snowboard (14%), curling (12%), sci alpino e sci di fondo (entrambi 11%) e biathlon (10%).

Olimpiadi Pechino 2022, le percezioni sulle questioni più controverse 

In ultima analisi, il sondaggio Ipsos ha messo in evidenza alcune delle percezioni dell'opinione pubblica in merito alle questioni più controverse relative alle Olimpiadi invernali di Pechino 2022

  • Il 52% degli intervistati ritiene che le Olimpiadi di Pechino dovrebbero andare avanti, anche se la pandemia Covid-19 non è ancora finita. La percentuale aumenta fino ad arrivare all'80% in Cina, Paese ospitante dei Giochi Olimpici 2022, e si abbassa leggermente in Italia (50%)
  • Il 55% degli intervistati a livello internazionale e il 52% degli italiani ritengono appropriato che gli atleti prendano una posizione pubblica su questioni sociali o politiche quando si esibiranno alle Olimpiadi.
  • Una media del 69% (medesima percentuale anche in Italia) ritiene che gli atleti, provenienti da Paesi che sono stati ufficialmente banditi per il doping e non coinvolti nel doping, dovrebbero avere il permesso di competere sotto la bandiera olimpica del proprio Paese. 
  • Infine, il 57% degli intervistati a livello internazionale e il 43% degli italiani sostengono che durante le Olimpiadi ci sia troppo nazionalismo in mostra. 

Scarica

Società