Sondaggio Ipsos-Save The Children, le opinioni dei giovani relative alla scienza ai tempi del Covid-19

Il sondaggio Ipsos, condotto per Save the Children, ha esplorato le opinioni e le percezioni dei giovani adolescenti italiani nei confronti del ruolo della scienza nel combattere la pandemia.

Il sondaggio Ipsos, condotto per Save the Children, ha esplorato le percezione degli adolescenti italiani nei confronti del ruolo della scienza nel combattere la pandemia da Covid-19. La maggioranza dei giovani intervistati dichiara di avere fiducia nella scienza per combattere il Covid-19 ed è molto chiara anche la posizione assunta nei confronti del vaccino: il 60% dichiara di essere già vaccinato, il 30% afferma di farlo presto, soltanto 1 su 10 non ha intenzione di vaccinarsi e più della metà (64%) è favorevole all'introduzione dell'obbligo vaccinale. Vediamo i principali risultati emersi dal sondaggio Ipsos per Save The Children. 

Il ruolo e la percezione della scienza nel combattere il Covid-19

Il 73% degli adolescenti italiani dichiara di avere fiducia nella scienza per combattere la pandemia da Covid-19. Il 66% afferma che la pandemia l'abbia spinto a informarsi in misura maggiore sulle questioni scientifiche, ma spesso si sono sentiti confusi dalle informazioni scientifiche trasmesse dai mezzi di comunicazione nel corso di quest’anno (62%). 

Obbligo vaccinale, il 64% degli adolescenti è favorevole

Il 60% degli adolescenti dichiara di essere già vaccinato contro il Covid-19, un altro 30% afferma di farlo presto e soltanto 1 su 10 non ha intenzione di vaccinarsi. Per il 62% degli adolescenti è comprensibile che le persone si siano spaventate per regole come il coprifuoco, il distanziamento, l’uso delle mascherine, la didattica a distanza e per il 59% è comprensibile che le persone siano spaventate dal vaccino. Nonostante ciò, il 64% ritiene che, vista la gravità della situazione, sarebbe giusto introdurre l'obbligo vaccinale


Leggi anche il sondaggio Ipsos: "L’impatto della pandemia da Covid-19 sui giovani"


Vaccino Covid, contrasti in 4 famiglie su 10 

Alla domanda: "In quale contesto ti è capitato di discutere maggiormente di vaccini e ricerca scientifica nell'ultimo anno?" il 45% dei giovani italiani menziona la famiglia. In 4 famiglie su 10 sono scoppiati contrasti sull'utilità dei vaccini e 6 adolescenti su 10 affermano che la principale ragione di contrasto è stata il loro essere a favore dei vaccini. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la famiglia non ha imposto il divieto di vaccinarsi. A tal proposito, il 67% ha dichiarato di aver avuto libertà di compiere la propria scelta, invece, 3 adolescenti su 10 hanno dovuto affrontare contrasti in famiglia e insistere per poter fare il vaccino oppure gli è stato completamente vietato. 

Per maggiori informazioni, visita il sito di Save The Children

Società