Covid-19: una minaccia a lungo termine per la salute fisica e mentale delle donne

Ipsos rivela i risultati di un secondo studio, condotto per AXA, per comprendere l'impatto del Covid-19 tra le donne.

Il primo studio, pubblicato a ottobre, ha evidenziato i 10 principali rischi emergenti nel mondo, concentrandosi sull'impatto economico della pandemia.

Questo secondo studio, condotto da Ipsos per AXA, è dedicato alla salute delle donne, all'impatto immediato che la crisi sanitaria ha avuto sul loro benessere fisico/mentale e ai suoi effetti a lungo termine.

Dall'indagine emerge come la salute fisica e mentale delle donne ne ha risentito molto a causa del Covid-19: molte hanno lottato per accedere a un'adeguata assistenza sanitaria; le donne con malattie croniche - come il cancro o il diabete - sono rimaste indietro nel trattamento e coloro che vivono da sole o che hanno un basso reddito si sono dimostrate le più vulnerabili. 

Punti chiave del sondaggio:

  • Nel complesso, la salute delle donne è peggiorata durante la crisi - il peggioramento maggiore è stato in Europa, dove la pandemia ha colpito più duramente. Tutti gli aspetti della salute delle donne sono stati colpiti: fisico, mentale e sociale. Più di due donne su tre si sentono ansiose o preoccupate; più della metà riferisce di soffrire di disturbi del sonno.
  • Durante la crisi, molte donne hanno avuto difficoltà ad accedere all'assistenza sanitaria - per motivi finanziari, mancanza di disponibilità o paura di contrarre il virus.
  • Tra le donne con malattie croniche, il 60% ha dovuto rinviare il trattamento. Il 40% non è stato in grado di vedere il proprio medico per visite di controllo regolari. La mancanza di accesso all'assistenza sanitaria di routine potrebbe avere conseguenze a lungo termine sulla salute delle donne.
  • Le donne stanno mettendo la salute degli altri davanti alla propria. Nonostante ciò, le donne intervistate hanno anche trovato più tempo per prendersi cura di se stesse sforzandosi, ad esempio, di cucinare pasti più sani per se stesse e per le loro famiglie.
  • Con la pandemia tutt'altro che finita, le donne si sentono più vulnerabili alle minacce per la loro salute. Più della metà di esse teme l'isolamento o il deterioramento della propria salute mentale. Per aiutarle a gestire questi rischi, le donne si aspettano un accesso più rapido e facile all'assistenza sanitaria per se stesse e per gli altri membri della famiglia in futuro.

 

Società